L'Appennino che attraversa le Marche si sviluppa su quattro pieghe o catene. La prima è quella che fa da confine con l'Umbria, in essa spicca il Monte Catria (m 1701). La seconda catena è quella del San Vicino, che termina con la maestosa quinta dei Monti Sibillini. La terza piega è quella su cui sorgono Cingoli e il Monte Acuto. L'ultima piega corre per lo più sotto l'Adriatico, da essa emerge il Monte Conero, che dà origine ad un promontorio che divide a metà la costa marchigiana.
I fiumi hanno un tipico andamento parallelo e formano quella struttura di valli chiamata "a pettine" che rende particolarmente vari, ma faticosi, gli itinerari in direzione Nord-Sud.
La zona delle colline è perciò caratterizzata da un gran numero di salite che, collegando la valle con le città costruite sulle creste, superano dislivelli di 200-300m. Spesso si tratta di veri e propri muri lunghi 1000-1500m metri con pendenze spesso superiori al 15%, come il Muro di Montelupone, i muri di Offagna, Recanati, Osimo, le varie Boccoline, Roncoline, Badorline e gli altri mille "monti" della Regione... per non parlare di Pitino.
Le salite appenniniche non raggiungono grandi altitudini (solo quattro strade asfaltate superano i 1500m), perciò non presentano grandi dislivelli; di solito sono salite di 7-8 km con dislivelli di 600-700m e pendenze attorno all'8%. Tuttavia spiccano alcune ascese più impegnative, come quelle del Monte Nerone, del Pizzo di Meta, del Catria e del San Vicino, che superano dislivelli di circa 1000m con pendenze sempre impegnative.

mercoledì 5 luglio 2017

Luglio 2017 - Nasce il Brevetto del Monte San Vicino


Quattro salite 8848 metri di dislivello (se ce la fate a farle fare due volte). Per fortuna, se volete il Brevetto del San Vicino, vi basta fare solo tutte le salite del Monte,  passando dai quattro paesi alla base: BraccanoP. S. VicinoCastel S. PietroFrontale.
Ci sono molte strade per raggiungere la Montagna Solitaria a forma di trapezio, nella versione più estrema sono 5220 m di dislivello in 170kmma per ottenere il diploma e il prestigioso badge del Gruppo Ciclistico Matelica, provate voi a studiarvi la strada, io non credo che si riescano a fare meno di 100 km e meno 3460 m di dislivello. Un brevetto da duri!




Brevetto del San Vicino


Lunghezza: >100 km
Disl. minimo: 3457 m 
Salita min: 46 km
Pendenza media: 7.5%
Pendenza max: 16%
Altimetria in dettaglio (salitaker)
Altimetria in dettaglio (salitaker)

Il brevetto del Monte San Vicino è un attestato che viene rilasciato al completamento di un itinerario cicloturistico composto da 4 salite da 4 versanti/punti di partenza diversi intorno al Monte San Vicino.
Altimetria in dettaglio (salitaker)

Altimetria in dettaglio (salitaker)
                          


Il percorso è consigliato in bici da strada o gravel ma fattibile anche in mountain bike, non è una manifestazione sportiva né un evento agonistico o a cronometraggio; non sono previsti nè premi in natura e/o denaro salvo il rilascio dell’attestato di partecipazione e il badge adesivo a coloro che lo richiederanno dimostrando il completamento del percorso.
La partecipazione al BREVETTO DEL MONTE SAN VICINO è assolutamente libera e rimessa alla esclusiva responsabilità del singolo cicloturista.
In considerazione del grado di difficoltà delle salite, dei prevedibili lunghi tempi di percorrenza dell’itinerario e di sottoposizione alla fatica e della variabilità delle condizioni atmosferiche specie in prossimità della vetta, l’itinerario è sconsigliato ai ciclisti inesperti e/o sprovvisti di adeguata preparazione di base, ai ciclisti affetti da patologie croniche e/o comunque da patologie per le quali la prolungata esposizione alla fatica costituisce fattore di rischio per la salute
Si consiglia un previo specifico consulto presso il proprio medico di fiducia e il certificato medico attestante l’idoneità alla pratica dell’attività sportiva non agonistica.

Si precisa che la partecipazione al BREVETTO DEL MONTE SAN VICINO comporta, ad esclusiva responsabilità del singolo partecipante, la conoscenza ed il rispetto del Codice della Strada e l’utilizzo obbligatorio del casco protettivo.
Tutte le strade dell’itinerario sono aperte al traffico veicolare in entrambi i sensi di marcia. Si raccomanda la massima cautela nelle discese, soprattutto in caso di maltempo anche in considerazione del fatto che l'asfalto, seppure in discrete condizioni generali, in alcuni punti è rovinato e per tratti di pochi metri danneggiato e/o assente. 

Le condizioni meteorologiche in montagna possono mutare repentinamente pertanto l’ascesa è in ogni caso sconsigliata in caso di maltempo a valle.
In ogni caso la decisione se effettuare o meno la salita e il brevetto spetta al singolo ciclista ed è rimessa alla sua esclusiva responsabilità.

Gli ideatori non si assumono responsabilità alcuna (ci mancherebbe altro) per danni patiti o causati, nè infortuni nei quali i possessori del taccuino dovessero incorrere nel corso delle attività come sopra suggerite.

Per ottenere l'attestato che verrà inviato via mail e lo sticker adesivo sarà necessario inviare a questa pagina i link del giro completato registrato con gps (Garmin, Strava, Polar, App Smartphone ecc.) che ne testimoniano il completamento. La lista di coloro che avranno conquistato il brevetto sarà pubblicata periodicamente in questa pagina. Per altre info vi invitiamo a visitare contattare la pagina facebook Brevetto del San Vicino

Il percorso


I link sottostanti conducono  a tre proposte di percorso ad anello con partenza da Matelica (versante ovest) o da Apiro sul versante Est:

1. Percorso più breve
da Matelica
100 km > 3500m

dal Lago di Cingoli
123 km > 4200m

da Matelica
170 km > 5500m



Video del brevetto 001 per info contattare la pagina facebook Brevetto del San Vicino


Per arrivare preparati vi consiglio di controllare nel dettaglio l'ubicazione delle salite e di esplorarne i dettagli cliccando sotto Wiew full details on Velowiewer