Passa ai contenuti principali

Post

In evidenza

Sul Pen - Alba al Monte Pennino

"Le Alpi sono solo la cornice esterna del paese. Gli Appennni invece ne sono l’anima, lo stomaco, la colonna vertebrale. Non bisogna perdere di vista quei becchi inconfondibili chiamati “Pen” che migliaia di anni fa hanno dato il nome al tutto e ancora oggi danno il senso al tuo andare. Monte Penice, Penna, Pennino, Penne, Pennabilli, Pescopennaro. Li trovi dalla Liguria al Molise. Luoghi sacri di cui è rimasto solo il nome celtico e quel brivido che immancabilmente ti prende quando raggiungi la cima, da dove guardi senza fiato l’universo.” (Paolo Rumiz, “La leggenda dei monti naviganti”).
A forza di andare in bicicletta si arriva al punto che le montagne da fare finiscono; allora si inizia a "cercare" (in senso dantesco) la carta geografica nella speranza di trovare qualche altro monte o qualche altro valico secondario. Qualcuno, bianco, ce ne è ancora, così sono state scoperte, le piste pietrose che scavalcano il Sasso Aguzzo e portano in Toscana, della Chiavellara,…

Ultimi post

Otto confini e quattro regioni (e due nazioni)

Pieia e il quarto versante del Monte Nerone

Valico della Morca (e Colle di Cardine)

Rocchetta (Fabriano)

Monte Cucco